Fortunatamente, anche tutti coloro che soffrono di presbiopia possono contare su una valida soluzione e su un’ottima alternativa agli occhiali: le lenti a contatto per presbiti. Ma di cosa stiamo parlando esattamente? Di un difetto visivo che si presenta con l’età che avanza e, in particolare, quando si arriva ai intorno 40 anni.

Arrivati a questo punto della vita, è normale non vedere da vicino come un tempo. Infatti, quando si parla di presbiopia e “sintomi”, non possiamo fare a meno di considerare le numerose difficoltà nella visione degli oggetti posti a poca distanza e nella lettura. In quest’ultimo caso, i disagi aumentano quando i caratteri sono piccoli, e si tende a spostare libri, giornali e anche gli smartphone più lontani dagli occhi, nella speranza di riuscire a vedere. Quando una persona arriva a questo, può quasi certamente definirsi presbite, pur se chiaramente è necessaria la consulenza di un professionista del settore.

Dopo aver constatato i primi segni della presbiopia, non bisogna preoccuparsi: anche se il disturbo non si può prevenire, si può comunque correggere, alleviando i correlati disagi. Infatti, la soluzione c’è e si concretizza appunto nell’utilizzo di lenti a contatto per presbiti, progettate appositamente per ridurre questa problematica causata dall’invecchiamento e, più nello specifico, dalla perdita dell’elasticità da parte del cristallino.

Come funzionano le lenti per presbiti? Non vedere da vicino è un disagio che possiamo risolvere

Se la presbiopia e i sintomi correlati ci sono, è meglio rivolgersi a un oculista e successivamente all’ottico, che saprà individuare e fornire il tipo di soluzione ottica adatta. Infatti, esistono lenti a contatto multifocali, lenti a contatto bifocali, lenti a contatto progressive, ma anche giornaliere, mensili, quindicinali, etc.

Le lenti a contatto per presbiti consentono di mettere a fuoco perfettamente gli oggetti che si trovano a poca distanza e di leggere anche lettere abbastanza piccole. In pratica, grazie ad esse, le immagini si riveleranno nitide, chiare e ben definite, indipendentemente dall’illuminazione presente nell’ambiente in cui ci si trova.

Una vera rivoluzione nel settore è rappresentata soprattutto nel design che è stato fornito a queste lenti, brevettato proprio per poter garantire sempre almeno il 90% della luce necessaria per la messa a fuoco delle immagini. Le lenti in questione possono essere utilizzate da qualsiasi soggetto colpito dalla presbiopia.

La comodità delle lenti a contatto per presbiti e i consigli per la scelta

Le lenti utili per il benessere di ogni presbite vengono generalmente realizzate con materiali in grado di assicurare la giusta aderenza (ad esempio il silicone), creando un perfetto binomio tra lente a contatto e film lacrimale, e donando a chi le indossa un benessere e un comfort visivo notevole.

La scelta delle lenti a contatto per presbiti non è difficile da effettuare. Infatti, nonostante siano proposte da varie marche, la maggior parte di esse sono ottime, di facile utilizzo e disponibili a prezzi molto convenienti. Per essere sicuri di ciò che state acquistando, può essere utile leggere le recensioni degli utilizzatori, ma soprattutto affidarsi a un ottico professionista: potrà darvi i suggerimenti giusti e anche aiutarvi durante le prime applicazioni.