Il trattamento antiriflesso si presenta come una soluzione da non sottovalutare. Può offrire notevoli benefici all’utilizzatore e un ottimale comfort visivo. Tuttavia, non dura per sempre e arriva il momento in cui è necessario sostituire le lenti antiriflesso rovinate. Analizziamo nel dettaglio la situazione e andiamo a vedere come comportarsi in questi casi.

Che cos’è l’antiriflesso?

Quando si parla di antiriflesso si intende un trattamento che favorisce il comfort visivo e che permette di ridurre i riflessi derivati dalla luce diretta e indiretta. Questi riflessi possono determinare una riduzione della nitidezza delle immagini, costringendo l’occhio a sforzarsi inutilmente. Talvolta, ad esempio durante la guida, possono rivelarsi anche pericolosi. Per questi motivi, avvalersi di questa soluzione è una scelta più che valida.

L’applicazione del trattamento antiriflesso, perlopiù multistrato, permette alle lenti di agire tagliando la luce riflessa ed evitando che tutta la luce attraversi la lente, arrivando poi al bulbo oculare. Quasi tutte le lenti in commercio sono dotate di questo trattamento, ma in alcuni casi è necessario richiederlo specificatamente.

Lenti antiriflesso rovinate: da cosa può derivare la loro usura?

Chiaramente, questi prodotti innovativi non sono infallibili e non durano per sempre. Le lenti antiriflesso rovinate possono provocare disagi e difficoltà durante la visione. L’usura è normale, ma può arrivare persino prima del tempo e derivare da trascuratezza, disattenzione e poca cura nei confronti degli occhiali.

Solitamente, sulle lenti appaiono alcuni graffi o delle zone opache. Quando si verificano questi problemi, è opportuno ipotizzare un danneggiamento del film antiriflesso o della lente stessa. Ad ogni modo, è chiaro che prevenire è meglio che curare.

Perciò, è sempre fondamentale evitare di sfregare la lente (anche durante la pulizia con prodotti non idonei che potrebbero danneggiarla) e di esporre gli occhiali al contatto con sabbia, polveri metalliche o sostanze similari. È inoltre essenziale, durante i periodi di inutilizzo, riporre gli occhiali negli appositi astucci.

Per non avere a che fare con lenti antiriflesso rovinate si consiglia naturalmente di evitare urti o cadute, nonché l’esposizione a fonti di calore e/o vapore, oppure a sostanziali escursioni termiche.

Quando cambiare le lenti antiriflesso rovinate?

Certamente non è mai piacevole, né dal punto di vista estetico né dal punto di vista pratico e funzionale, utilizzare delle lenti antiriflesso rovinate. Le conseguenze di danni e usura possono compromettere l’effettiva utilità dell’occhiale, costringendo l’occhio a sforzarsi per mettere a fuoco le immagini o per schivare eventuali riflessi fastidiosi.

Perciò, non appena si nota che le lenti non possono più essere utilizzate come una volta, in quanto si rivelano meno funzionali e non più affidabili, sarà necessario provvedere alla loro sostituzione. In queste eventualità, si può decidere di rifare completamente gli occhiali oppure di sostituire solamente le lenti antiriflesso rovinate, riutilizzando la montatura in proprio possesso. In questo modo si avrà la possibilità di contenere la spesa e di non doversi abituare ad altre forme e colori.

Caradonna Ottica propone una vasta scelta di lenti e montature che saranno in grado di soddisfare le vostre esigenze e garantiranno ai vostri occhi una sensazione di comfort assoluto, nonché un ottimale benessere. Sostituire le lenti antiriflesso rovinate è sempre una scelta da non sottovalutare, e noi potremo aiutarvi a fare quella giusta!