Siete arrivati alla soglia dei 40 anni (o poco più) e iniziate ad avere difficoltà nella messa a fuoco da vicino? L’oculista vi ha prescritto gli occhiali per correggere la presbiopia, ma non avete intenzione di utilizzarli sempre? Niente paura: la soluzione in grado di rispondere alle vostre necessità è rappresentata dalle lenti a contatto bifocali mensili. Scopriamo insieme di cosa si tratta e quali sono le principali caratteristiche di questi interessanti prodotti.

Cosa sono le lenti a contatto bifocali?

Le lenti a contatto bifocali, mensili e non solo, sono state realizzate in particolare per correggere uno dei disturbi della vista più comuni e diffusi al mondo, che si manifesta nei soggetti intorno ai 40 anni di età. Stiamo parlando della presbiopia.

Quest’ultima si concretizza nella difficoltà nella messa a fuoco da vicino e nella lettura, accompagnata da ulteriori conseguenze quali mal di testa e affaticamento oculare.

Questo disturbo è dovuto al fatto che il cristallino, con il passare degli anni, perde una parte della sua flessibilità. Non essendo più abbastanza elastico, non riesce a consentire un’ottimale messa a fuoco degli oggetti che si trovano a una distanza ravvicinata.

La presbiopia può presentarsi in aggiunta a un’altra ametropia già presente da tempo, che può essere la miopia, l’astigmatismo e/o l’ipermetropia.

Pertanto, soprattutto in questi casi, sopraggiunge la necessità di poter contare su occhiali o lenti a contatto che offrano più poteri correttivi, per la visione da vicino e da lontano. Ed è qui che entrano in gioco le lenti a contatto bifocali mensili, ma anche giornaliere o settimanali, oppure gli occhiali con lenti oftalmiche bifocali.

Le principali caratteristiche di una lente bifocale

Queste lenti a contatto sono definite “bifocali” in quanto la loro struttura è realizzata proprio con due “fuochi”:

  • Una zona correttiva utile per la lettura e la visione da vicino,
  • Una zona correttiva perfetta per ottimizzare la messa a fuoco da lontano.

Chiaramente, anche le lenti oftalmiche bifocali propongono due diverse zone di correzione, ma si presentano con una struttura differente.

Nello specifico, le lenti a contatto bifocali mensili durano un mese, nel senso che potete utilizzarle in questo arco temporale, senza provocare irritazioni agli occhi. Dopodiché, andranno sostituite. Per garantirne la totale sicurezza e funzionalità, però, è importante prendersene cura in maniera precisa e attenta.

Pro e contro delle lenti a contatto bifocali mensili

Il maggior vantaggio delle lenti a contatto bifocali mensili è proprio questo: promuovono la corretta visione sia da lontano che da vicino, senza la necessità di doversi procurare un altro paio di lenti (cosa che avrebbe poco senso, date le procedure di applicazione e conservazione) o di utilizzare gli occhiali da vista per correggere un altro difetto visivo.

Per quanto riguarda i contro, possiamo menzionare il periodo di adattamento e il salto d’immagine. Quest’ultimo si potrebbe riscontrare muovendo l’occhio da una zona di correzione all’altra, e si rivela una problematica che può essere evitata prediligendo le lenti progressive.

Grazie all’offerta dell’Ottica Caradonna e alla nostra esperienza, avrete a disposizione una gamma completa di lenti a contatto bifocali mensili e di numerosi altri prodotti, ma anche un supporto professionale perfetto per soddisfare in modo completo le vostre necessità.