È necessario aggiungere l’antiriflesso alle lenti?

Le peculiarità delle lenti progressive fotocromatiche antiriflesso

Condividi il post

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram

Condividi il post

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram

Quando acquistate un nuovo paio di occhiali, una delle domande che vi vengono sempre rivolte è questa: desiderate aggiungere l’antiriflesso alle lenti oppure no? Sebbene questa caratteristica sia presente di default in molte lenti, esistono dei casi in cui invece si presenta come una scelta della persona che le indosserà.

È quindi perfettamente normale che vi domandiate se aggiungere l’antiriflesso alle lenti possa essere una scelta conveniente oppure no. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio di cosa si tratta, in quali casi è indicata questa soluzione e se potrà rivelarsi utile anche per voi.

Come si fa a “trasformare” una lente in uno “schermo” antiriflesso?

L’antiriflesso non è altro che un trattamento che viene applicato alle lenti in fase di produzione, attraverso un film sottilissimo che viene posto sulla superficie delle stesse. Questa “pellicola” è generalmente composta da sali minerali o da ossidi di metallo, ovvero da sostanze che mostrano le loro particolari proprietà proprio quando vengono colpite dalla luce.

Questo film impedisce che le sorgenti luminose che si trovano di fronte alla lente (come ad esempio le luci artificiali) vadano a disturbare la vista dell’utente. Riflettendosi sulla lente, infatti, queste luci possono risultare fastidiose e andare a disturbare la visione, diminuendo quindi anche l’efficacia del dispositivo ottico in questione.

Partendo da questi presupposti, è chiaro che aggiungere l’antiriflesso alle lenti è una scelta ottima per tutti, in quanto consente di avvalersi di una visione più nitida e meno disturbata dalla luce, sia solare che artificiale.

In quali situazioni è particolarmente consigliato aggiungere l’antiriflesso alle lenti?

Solitamente, quando si richiede la realizzazione di un nuovo paio di lenti oftalmiche, l’ottico suggerisce sempre di aggiungere il trattamento antiriflesso: a fronte di una piccola spesa, può garantire un comfort visivo ottimale. Pertanto, non esiste una situazione in cui questa soluzione è vivamente consigliata rispetto ad altre.

In pratica, aggiungere l’antiriflesso alle lenti è un’opzione vantaggiosa per chiunque. Tuttavia, può ritenersi essenziale per chi lavora con sorgenti luminose, per chi viaggia spesso di notte e per tutti coloro che hanno costantemente a che fare con fastidiosi riflessi. Infatti, questi ultimi possono, a lungo andare, creare malesseri e disagi non indifferenti (mal di testa, bruciore oculare, lacrimazione, etc…).

Una scelta da non sottovalutare

Se vi stavate chiedendo se avvalervi del trattamento antiriflesso oppure no, probabilmente adesso avete le idee molto più chiare. Anche nei casi in cui questa opzione non è inclusa nel costo della lente, la piccola spesa da sostenere è ampiamente giustificata dal miglioramento della visione e del comfort visivo percepito durante l’uso degli occhiali.

Non possiamo quindi che consigliarvi caldamente di aggiungere l’antiriflesso alle lenti ogni volta che andate ad acquistarne un nuovo paio. Gioirete fin dal primo utilizzo di un notevole benessere e di numerosi benefici che compensano abbondantemente la spesa sostenuta. Per qualsiasi chiarimento sull’argomento e per avere una consulenza personalizzata, vi invitiamo a contattarci oppure venirci a trovare nel nostro negozio di Modugno in provincia di Bari.

Altri articoli

Vuoi prenotare
la tua consulenza personalizzata?

ottica caradonna modugno bari

Vuoi prenotare
la tua consulenza personalizzata?

ottica caradonna modugno bari